banner torneo 1x2bis
banner new forum banner new WEBCHANNEL banner new STORIA banner new curva

 

Quattro campionati tra i pali della porta neroverde, eppure è ricordato per una partita disputata alla Civitella con una maglia diversa da quella del Chieti. È stato il destino di Massimo Bellagamba nato Civitavecchia il 24 giugno 1939 e scomparso in giovane età a Roma l'8 dicembre 1998 a causa di una grave malattia. Massimo, cresciuto nel settore giovanile della Lazio, arrivò al Chieti nel 1961/62 (riserva di Franco Mencacci, collezionò 13 presenze). L'anno dopo, promosso titolare, fece il pieno disputando tutte le 34 partite in calendario ma la buona stagione non convinse Tom Rosati a confermarlo, gli venne preferito Otello Milan e Bellagamba, insieme con Claudio Carboncini, venne trasferito in prestito all'Aquila. Il derby del 12 aprile 1964 fu il capitolo funesto di quella indimenticabile stagione neroverde, Bellagamba parò tutto e s'impose tra i principali protagonisti della sfida vinta dai rossoblu. L'invasione di campo macchiò per sempre una magnifica avventura, Bellagamba finito al centro di polemiche giornalistiche per un battibecco finale con Tim e Franco Rosati, si difese sempre con grande onestà: "Ho semplicenente fatto il mio dovere, giocavo per L'Aquila, ho dovuto dimenticare di essere del Chieti". Ineccepibile.

12 aprile 1964 CHIETI-L'AQUILA 0-1

(al 35' st invasione 0-2 a tavolino)

Chieti: Milan Rosati II Dondi Riti Ghirardello Alberti Paradiso Trapella Orazi Martegiani Di Luzio. All. Tom Rosati

L'Aquila: Bellagamba Grigoletti Pesce Sellani Vemati Carboncini Ore Bonfada Attardi Moroni Donadoni All. Leonzio

Arbitro: Helzel di Pisa

Rete: st 12' Bonfada

Massimo Bellagamba disputò nel Chieti i due campionati successivi: 1964/65 (22 presenze, ruolo condiviso col fenomeno Pierangelo Belli) e 1965/66 (14 presenze, alternativa a Roberto Negrisolo). Ricordiamo due belle partite di Massimo in neroverde.

20/1/63 TARANTO-CHIETI 0-0

Taranto: Orlandi Martinelli Di Serio Pontrelli Manzella Piovanelli Buonfrate Bertucco Cioni Marangi Meanti All. Orlandi

Chieti: Bellagamba De Benedictis Carboncini Montanari Pin Fontana Gasparini Moro Muffato Grotti Taluzzi All. Petagna

Arbitro: Minghetti di Roma

6/2/66 CHIETI-TARANTO 1-0

Chieti: Bellagamba De Pedri Lancioni Carboncini Vitaloni Smeriglio Paradiso Di Pucchio Contestabile Pezzotti Spinelli All. Leonzio

Taranto: Bandini Aldinucci Martinelli Di Serio Napoleoni Corvino Tartari Benetti II De Giuliani Marangi Mattioli All. Tofani

Arbitro: Capobianco di Cagliari

Rete: pt 13' Di Pucchio

Massimo concluse la carriera abbastanza giovane. Non si realizzò il suo sogno di tornare alla Lazio. Noi vogliamo ricordarlo come un neroverde che diede esempio di onestà e di professionalità. Insieme al suo bel sorriso.

 

 

Trovate altre foro di Massimo tratte dall'album della famiglia Bellagamba clicando sul link seguente:

 

FOTO BELLAGAMBA

Condividi
Pin It