banner new forum banner new WEBCHANNEL banner new STORIA banner new curva

 

Sprofondo neroverde. I teatini lasciano i tre punti anche in terra molisana e non riescono a mettere un freno ad una discesa verso gli inferi che sembra inarrestabile.
Un calcio di rigore nella prima frazione di gioco e, a pochi minuti dal termine, il colpo finale dopo una dormita difensiva bastano a piegare le velleità degli ospiti e a ridare ossigeno ai padroni di casa dopo lo stop di sette giorni fa a Montegiorgio.

Poco da dire sul match che con ogni probabilità segnerà l’addio di Alessandro Grandoni alla panchina, almeno così si vociferava in settimana. Ci permettiamo di dire che quando la nave affonda la colpa non è mai soltanto del capitano, soprattutto se la si è costruita con evidenti falle e con materiali scadenti.

Il mister avrà le sue colpe come tutti ma se non si ricorre immediatamente al mastice dei nuovi arrivi (e di valore!) anche il miglior nostromo non sarà in grado di governare la deriva e rimettere in asse una barca che sembra destinata a perire.

Un ultimo pensiero lasciatecelo rivolgere con il cuore a quei temerari che anche oggi hanno accompagnato i nostri colori lontano dalla città di Achille. L’amore incondizionato e la passione che tutti noi abbiamo nel cuore non meritano di essere schiaffeggiate in questa maniera!

Condividi
Pin It