Stampa
Categoria: Le interviste
Visite: 858

 

Quasi 38 anni or sono fu scritta una pagina unica nella storia del nostro amato Chieti. I neroverdi parteciparono infatti per la prima ed unica volta al trofeo anglo-italiano, torneo che metteva di fronte compagini italiane ed inglesi di livello semi professionistico.
Il Chieti riuscì nell’impresa di vincere tutte le partite ma nella finale disputata  il 25 aprile 1979 al “Santa Filomena” (l’attuale Guido Angelini) fu sconfitto 2-1 dal Sutton, dopo che un paio di settimane prima aveva battuto gli stessi inglesi al “Borough Sports Ground”  del borgo a sud ovest di Londra per 1-0.
Vista la carenza di notizie che dalle cronache dell’epoca sono giunte fino ai giorni nostri ci è sembrato doveroso rispolverare e riaccendere le luci su una pagina di storia forse dimenticata.
Per fare un regalo di Natale un po' speciale a tutti voi lettori siamo così “volati” in Inghilterra per intervistare alcuni tifosi inglesi che assistettero ad entrambe le partite contro il Chieti, per ricordare con loro quelle sfide ed ascoltare i loro punti di vista.
Abbiamo raccolto le impressioni di David Farebrother, attuale presidente del Sutton United che al momento milita nella Vanarama National League (la quinta lega inglese corrispondente alla nostra Eccellenza), di Tony Dolbear attuale responsabile dell’ufficio stampa, e di altri tre ragazzi dell’epoca (oggi un po’ attempati) che seguirono entrambe le sfide dal vivo.
Prima di augurarvi buona visione vogliamo ringraziare in particolare David per la gentilezza, la piena  disponibilità e il grande entusiasmo con cui ha accettato di rispondere alle nostre domande e ovviamente un grazie sincero a Tony, Mark, Bob e Mark per averci dedicato un po’ del loro tempo.

Ora, come direbbero gli inglesi, non ci resta che dirvi “Enjoy it!”